Sviluppo Alpinistico del Monte Spedone







Il progetto racchiude un insieme di proposte pensate per l’ organizzazione di un sistema di promozione e gestione di attività sportive nel Parco locale della Valle San Martino, tramite l’attuazione di interventi correlati alla fruizione turistica, sportiva e sociale, delle risorse ambientali e storiche proprie del territorio con la finalità di promuoverne la più ampia frequentazione.

Frequentazione alpinistica: con la realizzazione di opere di attrezzatura secondo i migliori standard delle falesie e pareti naturali, di ottima roccia, potenzialmente paragonabili ai vicini centri di arrampicata del lecchese.

 Frequentazione escursionistica: con il rilievo, la tracciatura e la messa in sicurezza dei percorsi all’interno dell’areale interessato dalle opere, in correlazione con le stesse e con la rete sentieristica esterna.

Frequentazione turistica e didattica della Gola del Torrente Gallavesa: con interventi finalizzati alla progettazione, la pulizia e la sistemazione adeguata del tracciolino (ex condotta idroelettrica in disuso) all’interno della gola del torrente, il cui tracciato potrà consentire la visita, per gruppi guidati, di uno degli ambienti più suggestivi dell’intero comprensorio turistico caratterizzando fortemente le località con un intervento di recupero di ex manufatti industriali, caratteristici, particolari e di grande interesse didattico.


Titolo del progetto: “Progetto operativo per lo Sviluppo Alpinistico del Monte Spedone” in comune di Erve, Calolziocorte, Carenno e Vercurago (LC).
Committente: Comunità Montana Valle San Martino.
Ideatori: Guide Alpine Andrea Savonitto e Giovanni Poli